Pavimento in legno: quale parquet scegliere

Pavimento in legno: quale parquet scegliere

Parquet vuol dire scegliere un pavimento in legno, elegante, raffinato, in grado di offrire un indiscutibile valore aggiunto all'arredamento e agli interi ambienti dove viene posato. Tra i pavimenti in legno il parquet presenta varie qualità, tra cui la sua durata nel tempo, poiché tale materiale è destinato a rimanere per lungo tempo una parte degli spazi domestici. Per questo motivo quando di tratta di optare per un pavimento in legno è importante scegliere con attenzione le caratteristiche del parquet, per cui è bene sapere quali sono le peculiarità a cui prestare attenzione, gli elementi determinanti che devono inevitabilmente coincidere con il proprio gusto personale.

Gli elementi base del pavimento in legno

Come scegliere il parquet? Tra un parquet iroko, un parquet doussie e altre terminologie tecniche c'è il rischio per il neofita di avere mal di testa per la confusione. E allora bene partire dagli elementi di base da tenere presente, ovvero:

  • Struttura del materiale
  • Trattamento
  • Colore
  • Tipo di posa
  • Resa nel tempo

Naturalmente ognuno di questi elementi si collega con altri aspetti, che riguardano le caratteristiche degli ambienti in cui il parquet dovrà essere posato, le esigenze abitative e le disponibilità di budget di chi acquista tale tipologia di pavimento in legno. Le esigenze abitative e il tipo di riscaldamento influenzano innanzitutto il tipo di struttura del parquet, che può essere in legno massiccio, che richiedono una posa lunga e complessa, in quanto ogni listello deve essere levigato e verniciato in opera, oppure più semplicemente in materiale prefinito, ossia con liste composte da uno strato principale di legno di betulla, pioppo o abete, ricoperte da uno strato superiore legno più pregiato, che si definisce essenza o specie legnosa. Possiamo così avere parquet rovere spazzolato e numerosi altri tipi di pavimento in legno tra cui scegliere, dalle gradazioni di colore più disparate.

Colori parquet, quale pavimento in legno scegliere?

Possiamo distinguere vari tipi di colori per il pavimento in legno, dal parquet chiaro al parquet nero, quindi con intensità cromatiche davvero disparate. In linea generale abbiamo come opzioni:

  • Specie legnose rosse come l'abete americano, il doussiè, l'acacia, il ciliegio, il merbau
  • Specie legnose chiare quali l'acero, che può essere americano, europeo o canadese, il frassino, il faggio, il larice, il rovere
  • Specie legnose scure: il wengé
  • Specie legnose brune tipo l'iroko, il noce, il teak, la quercia, l'afrormosia

Anche in questo caso nella sceltqa del colore entrano in gioco variabili importanti come ossidazione ed esposizione alla luce, ma anche il tipo di riscaldamento e la resistenza nel tempo.

Il tipo di posa

Analizziamo gli ultimi due fattori importanti del pavimento in legno. Per quanto riguarda la messa in terra abbiamo la posa incollata, per cui il parquet viene incollato al massetto, che dovrà avere una barriera idonea al vapore interposto al di sotto e dovrà essere ben strutturato in altezza, compattezza, durezza e planarità. In alternativa c'è la posa flottante, in cui le liste di legno vengono incastrate l'una sull'altra, e poggiate senza colla, separate dal massetto con un materiale isolante e fonoassorbente  quale ad esempio pannelli di sughero o tappeti sintetici, possibilmente con funzione anche di barriera al vapore.

Il primo tipo è esteticamente più bello e di perfetta aderenza, il secondo tipo è più rapido e con maggiore libertà di assestamento al legno. Esiste anche un terzo tipo di posa, che si esegue con l'avvitatura delle liste alla base, riservata al parquet in massello, molto ricercato esteticamente e riservato solo ad alcune specie legnose. Per quanto riguarda il comportamento nel tempo del legno, bisogna considerare sia la temperatura che l'esposizione alla luce solare ed umidità, che ne influenzano la tenuta.

Newsletter

Tieniti aggiornato sui nostri prodotti o promozioni