Come capire la qualità di un divano

divaniJPG

Il divano è uno dei pezzi d’arredo a cui non si rinuncia quasi mai. Oltre all’estetica, in un imbottito conta molto la qualitàperché è da questa che dipende la comodità. Solidità, comfort, funzionalità e durata nel tempo sono quindi da valutare bene al momento dell’acquisto.
Struttura
La qualità del divano è data innanzitutto dai materiali nascosti a prima vista, che compongono il telaio interno. Quest’ultimo deve essere progettato per resistere alle sollecitazioni e allo stesso tempo essere flessibile. il
IL massello
Per offrire queste caratteristiche, l’ossatura portante è in legno massello, materiale che garantisce anche maggiormente la tenuta del sistema di molleggio, che invece tenderebbe a cedere in una struttura realizzata, per esempio, in truciolare. Viene inoltre preferito al metallo, sia a livello di costi sia di peso (soprattutto per i modelli di grandi dimensioni). Tra le essenze, le più indicate sono abete e pioppo, perché assicurano notevole resistenza alle sollecitazioni meccaniche nonché alle muffe. I fianchi di tamponamento sono normalmente in compensato o in fibra di legno: è importante che i pannelli siano in classe E1. Per evitare di rovinare il tessuto di rivestimento la struttura deve essere foderata, per esempio con uno strato di poliuretano espanso ad alta densità, abbinato a un tessuto sintetico a maglia. l Le giunzioni tra gli elementi in legno che costituiscono il telaio devono essere realizzate con incastri robusti.
Molleggio
È il supporto elastico del sedile e dello schienale del divano, quello cioè su cui appoggiano i cuscini. Per garantire la comodità e il sostegno del corpo, sia nella seduta sia nello schienale, deve essere presente un intreccio di cinghie elastiche ad alta resistenza (disposte quindi in orizzontale e in verticale), costituite da nastri di fili di gomma ricoperti in tutta la loro lunghezza da una spirale in filo di nylon. Le cinghie devono essere sufficientemente larghe (circa 7 cm) e disposte a una distanza di circa 3/5 cm l’una dall’altra: ciò fa in modo che nessuna delle singole fasce sia troppo sollecitata, con il rischio di perdere elasticità nel tempo.
Imbottitura
Costituita dai cuscini della seduta e dello schienale, deve garantire il giusto equilibrio di morbidezza e resistenza alla compressione: più rigida per i sedili perché sostiene il peso della persona, più morbida per gli schienali la cui funzione è solo d’appoggio.
Chiamaci oggi stesso allo 081.8762060 per sapere informazioni sulle offerta.

Newsletter

Tieniti aggiornato sui nostri prodotti o promozioni